Terme Euganee

Terme Euganee

Benvenuti nella stazione termale più grande d'Europa: le Terme Euganee. Circondate dal verde rigenerante dei Colli Euganei, gli hotel di Abano, Montegrotto e Galzignano sono il luogo ideale per la remise en forme e ritrovare il giusto equilibrio e benessere. Alle Terme Euganee acque benefiche e salutari danno vita alla più grande e rinomata stazione termale d'Europa. La forza benefica di queste acque è alla base di tutti i più moderni trattamenti terapeutici ed estetici effettuati negli oltre 100 hotel termali, dove ogni ospite è accolto e seguito con la massima professionalità e cordialità. Le Terme Euganee sorgono in un ampio bacino ai piedi dei Colli Euganei, splendido anfiteatro verdeggiante, dove alla ricca vegetazione spontanea che alterna macchia mediterranea a fitti boschi, si intrecciano vigneti, oliveti, vasti prati e un'ampia rete di sentieri percorribili a piedi, in bicicletta o perfino a cavallo.

Abano Terme
Abano Terme è oggi una delle più famose località termali d’Europa. Grazie alla sua enorme potenzialità ricettiva, che si basa su un notevole numero di alberghi tutti attrezzati con reparto per i trattamenti termali, può vantare il primato della più grande città termale del mondo. Il centro cittadino è caratterizzato da un’ampia isola pedonale su cui si affacciano edifici antichi e moderni, grandi alberghi con i loro curati giardini, negozi e locali, e tra le varie testimonianze storicomonumentali racchiude anche una delle più importanti testimonianze delle terme di Aponus, il Colle del Montirone.

Montegrotto Terme
Assieme ad Abano, Montegrotto Terme, costituisce il centro principale delle Terme Euganee. Secondo le fonti archeologiche, l’antico santuario lacustre, frequentato da genti venete tra la fine dell’VIII ed il III secolo a.C., sorgeva proprio qui, nell’area tra Monte Castello e Colle Montagnone. Si trattava di un lago di circa 2 chilometri quadrati e di forma tondeggiante, originato da una polla di acqua termale. Le esalazioni sulfuree, considerate di natura divina, scaturivano in modo naturale e potente dal cuore della terra e venivano venerate con offerte votive, soprattutto vasi, coppe, tazze e bicchieri

Galzignano Terme
Antico insediamento disposto alle pendici sudorientali del monte Rua, allo sbocco delle valli Pavaglione e Cingolina, Galzignano Terme conserva un ambiente naturale quasi incontaminato, caratterizzato da insediamenti prevalentemente rurali, meta ideale per chi desidera trascorrere una vacanza rilassante a contatto con la natura. Il territorio è ancora costellato di ville nobiliari erette dai nobili padovani e veneziani che apprezzavano le belle e fertili vallate di Galzignano. Ne è esempio eclatante Villa Barbarigo Pizzoni Ardemani, in località Valsanzibio, il cui giardino storico è uno dei più importanti giardini antichi d’Europa.

Battaglia Terme
Delimitato a nord e a sud da due sontuose dimore principesche, adagiato tra i Colli ad ovest e da un intreccio di canali che portano al mare ad est, Battaglia Terme è un paese sorprendente, con caratteristiche del tutto diverse dalle altre località del padovano. Qui tutto sembra collegato e in relazione con l’acqua. L’abitato si stende lungo le rive di un ampio corso d’acqua, presenta un ponte pedonale che ricorda Venezia, ospita un museo unico nel suo genere in Italia, il Museo della Navigazione Fluviale, e conserva imponenti manufatti idraulici come l’Arco di Mezzo e la Conca di Navigazione. Anche il toponimo Battaglia, antica Baptalea è legato all’acqua e potrebbe aver significato originariamente luogo dei bagni. Sono stati, infatti, la grotta termale naturale del Colle di S. Elena e i relativi bagni a caratterizzare e a identificare questo luogo fin dal secolo XI. Tale toponimo a partire dal secolo XIII si è intrecciato con la radice del verbo battere, collegato all’incessante, ritmico rumore provocato dai folli della cartiera di Battaglia, oggi non più esistente, ma famosissima nei secoli passati.

Teolo
Adagiata tra i Colli più belli, Teolo vanta origini molto antiche, una storia ricca di eventi e un patrimonio storico-artistico e naturalistico di grande rilievo. Secondo la tradizione avrebbe dato i natali al grande storico latino Tito Livio. L’antica Titulo (lat. Confine) sorse in posizione strategica tra i territori di Padova e di Este, i due maggiori centri paleoveneti. Un cippo del 141 a.C. ritrovato nei pressi della pieve di s. Giustina di Teolo confermerebbe l’esistenza di questo luogo di confine, già abitato in epoca pre-Romana. In epoca Medievale Teolo fu uno dei maggiori centri del padovano, sede di una Podesteria in epoca Comunale e Carrarese, e più tardi di una Vicaria della Repubblica di Venezia con compiti amministrativi su un territorio molto vasto. Il riordinamento Napoleonico del territorio prima e quello Austriaco in seguito, ridussero l’importanza amministrativa di Teolo. Oggi è uno dei luoghi più belli dei Colli Euganei, meta privilegiata del turismo escursionistico e delle scampagnate fuori porta dei padovani.